2019. L’anno dell’Oidio…

I dati definitivi sull’Inverno 2018/2019 (l’Inverno Meteorologico inizia il 1° Dicembre e si conclude l’ultimo giorno di Febbraio) lo dichiarano come il 23° più caldo della storia italiana, con uno scarto di +0,40°C delle temperature medie rispetto alla norma, ma con forti differenze tra le varie zone del Bel Paese. Al Nord e nelle Regioni tirreniche è stato un inverno decisamente caldo, mentre al Sud è stato nella norma o addirittura freddo in alcune aree della Calabria e della Sicilia, all’estremità meridionale del Paese.

Questo ha permesso all’oidio di svernare indisturbato e di presentarsi con violenza soprattutto nelle nostre zone collinari ad inizio stagione. L’annata già battezzata da una partenza difficile si è, quindi, immediatamente compromessa a causa dei problemi di sanità delle uve aggravati dalle piogge primaverili.

Per quanto riguarda la piovosità del 2019 è stata maggiore delle ultime 4 annate e superiore alla media. Dal punto di vista fitosanitario, le preoccupazioni si sono concentrate a fine aprile e a maggio sulla peronospora, anche se il fungo è stato meno aggressivo di quanto ci si potesse aspettare a causa delle temperature basse registrate. Al contrario il mese di giugno caldo e asciutto ha favorito lo sviluppo dell’oidio soprattutto nelle zone collinari.

A livello di andamento stagionale e fitosanitario il 2019 sarà ricordato in viticoltura come un’annata che dal punto di vista produttivo è stata inferiore alle attese e condizionata dagli andamenti climatici.

Corte Guarinona ha scelto di non vendemmiare e si è concentrata sulla profilassi fitosanitaria: sono state attuate le misure consentite nel regime biologico utilizzando zolfo e soprattutto sono stati progressivamente asportati manualmente e allontanati dal vigneto tutti i grappoli attaccati dall’oidio onde evitare la creazione di focolai cronici.

DSCN4486

Informazioni su corteguarinona

Blog dell'Azienda Agricola Corte Guarinona
Questa voce è stata pubblicata in A proposito del Guarinone, Gutturnio prodotto nei Colli Piacentini, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...